Codice etico

NORME ETICHE E COMPORTAMENTALI NEI CONFRONTI DEGLI STAKEHOLDER

 A.V.A.P.O. Mestre, in qualità di aderente alla Federazione Cure Palliative, ne adotta il Codice e comportamentale. In particolare come indicato  nei punti sotto specificati nel proprio operato si attiene  si rivolge a più stakeholder per ognuno dei quali sono individuati specifici principi e modelli di comportamento.

Malati e famigliari

Il malato è protagonista del percorso di cura che lo riguarda, ha diritto di essere informato e coinvolto nelle scelte terapeutiche e nella programmazione delle cure, valorizzato e sostenuto nella tutela della qualità delle relazioni e delle condizioni di salute.

Il nucleo famigliare e relazionale del malato è oggetto di presa in carico e attore del processo di cura. In base alle volontà e condizioni cliniche della persona malata, i famigliari sono informati e coinvolti nelle scelte terapeutiche, riconosciuti e valorizzati nelle capacità assistenziali, supportati nelle relazioni e nella gestione del lutto.

Nell’erogare attività di assistenza di Cure Palliative A.V.A.P.O. Mestre assicura la qualità delle prestazioni nei confronti degli utenti adottando i seguenti comportamenti:

  • rispetta i requisiti previsti dalla convenzione in essere con l’AULSS 3 Serenissima;
  • conforma il proprio modello organizzativo a quanto previsto dalla legge 38/10 e dei successivi decreti attuativi a livello nazionale e regionale;
  • in particolare, attiva modelli organizzativi coerenti con i 14 criteri dell’intesa stato-regioni del 25/7/2012, come monitorati dall’Osservatorio Buone Pratiche Codice Agenas 2014 (http://agenas-buonepratiche-cp.it/survey/indicatori.faces);
  • in coerenza con la legge 38, integra la propria attività all’interno delle Reti di Cure Palliative locali e regionali.

Assicura la qualità delle prestazioni nei confronti degli utenti adottando i seguenti comportamenti:

  • si attiene ai valori cardine della solidarietà, della gratuità, dell’inclusione sociale;
  • forma i volontari alla valorizzazione e al potenziamento delle risorse relazionali e assistenziali della famiglia e della rete sociale del malato;
  • uniforma il percorso formativo (selezione, formazione di base, tirocinio, formazione permanente) al documento “Percorsi formativi per volontari in cure palliative”, FCP 2010 di http://www.fedcp.org/images/pubblicazioniFCP/Numero7.pdf);
  • orienta la formazione dei volontari sulla base del “core curriculum del volontario in cure palliative”, FCP 2013 (http://www.fedcp.org/images/pubblicazioniFCP/Numero7.pdf).

Lavoratori/professionisti

 Assicura la correttezza dei rapporti professionali attraverso l’adozione dei seguenti comportamenti:

  • contrattualizzazione delle attività professionali, nel rispetto della normativa vigente;
  • remunerazione adeguata e coerente con il lavoro, le responsabilità e le competenze richieste;
  • orientamento alla crescita umana, formativa e professionale dei lavoratori;
  • orientamento alla stabilizzazione e alla continuità dei rapporti di lavoro;
  • adozione di modalità operative che assicurino processi di condivisione delle scelte etiche.

Volontari

 Assicura la correttezza dei rapporti con i volontari attraverso l’adozione dei seguenti comportamenti:

 

  • adozione di processi di selezione dei volontari in base alle attitudini, alla capacità e alle aspirazioni;
  • adozione di processi strutturati di formazione di base, formazione continua e supervisione;
  • orientamento alla crescita umana, e personale dei volontari;
  • coinvolgimento dei volontari nella vita associativa;
  • adozione di modalità operative che assicurino processi democratici e partecipativi alle scelte che riguardano l’attività di volontariato;
  • garanzia delle necessarie coperture assicurative, in ottemperanza alla normativa vigente;
  • formalizzazione di una convenzione che regoli l’attività dei volontari a supporto dei professionisti che operano nel Nucleo di Cure Palliative e dei familiari

Pubblica Amministrazione

 A.V.A.P.O. Mestre si attiva al fine di promuovere il collegamento e la comunicazione tra le Istituzioni e le istanze della collettività.
Riconosce il ruolo politico della Pubblica Amministrazione nella definizione degli indirizzi e delle priorità e la responsabilità della programmazione e del controllo dei servizi erogati ai cittadini.
Partecipa, come interlocutore competente e interessato al perseguimento degli interessi generali, alla definizione delle regole di governo del sistema.

Cittadinanza

 Nel coltivare il rapporto con la cittadinanza, con gli attori sociali, culturali ed economici del territorio adotta le seguenti norme etiche e comportamentali:

  • promuove la conoscenza e il valore delle cure palliative;
  • promuove lo sviluppo di comportamenti solidaristici e di sostegno tra i cittadini;
  • informa i cittadini sulle modalità di accesso alle cure e tutela i loro diritti sulla base di quanto definito dalla legge 38.

Fundraising

Nello svolgimento di attività di raccolta fondi assicura la correttezza nei confronti dei cittadini e dei donatori garantendo:

  • l’uso efficace, efficiente ed equo delle risorse;
  • la trasparenza e completezza di informazione sull’Organizzazione e sulle singole iniziative;
  • si ispira alle buone pratiche nella correttezza gestionale: trasparenza e verificabilità dell’utilizzo delle risorse sono i principi ai quali si ispira e che applica

Mestre, 10 gennaio 2017

Aiutaci a non fermare mai i nostri medici
Contribuirai anche tu così ad aiutare chi è in difficoltà a Mestre

DONACI UN AIUTO

©2017 A.V.A.P.O. Mestre

User Login