VITA E’ BEN-ESSERE

Vita è ben-essere è il nuovo progetto AVAPO Mestre finanziato dalla Regione Veneto a seguito della DGR 630/2019 (con risorse del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali”)

La Regione Veneto, in applicazione dell’art. 72 del decreto legislativo 117/2017 (Codice del terzo settore), ha assegnato ad AVAPO-Mestre un importante contributo economico per la realizzazione di un progetto di rilevanza regionale.
Al progetto è stato dato questo titolo: VITA E’ BEN-ESSERE.
Le attività, che saranno espletate a partire dal mese di novembre 2019  fino a tutto ottobre 2020,  si propongono obiettivi ambiziosi.
Innanzitutto, quello di promuovere la conoscenza dell’Associazione, della sua storia, dei servizi erogati a favore delle persone colpite da patologia oncologica e dei loro familiari. Una particolare attenzione sarà riservata al ruolo che può rivestire un volontario all’interno di una vita associativa articolata, in cui per ognuno è possibile individuare un proprio ambito di intervento. L’obiettivo è di  favorire un maggiore esercizio dei doveri di cittadinanza attiva da parte del cittadino volontario, attraverso l’acquisizione di conoscenze, capacità e valori  che sviluppino il suo impegno sociale in senso olistico, interdipendente e interconnesso con il mondo e con i gli altri.

Il progetto VITA E’ BEN-ESSERE intende prendersi cura della persona affetta da patologia oncologica, considerando la globalità dei suoi bisogni fisici, psichici, spirituali e sociali, garantendo una vasta gamma di servizi qualificati, modulati ed offerti in base alle varie fasi di malattia; consentendo così ad un maggior numero di ammalati oncologici di trascorrere il periodo di fine vita tra le mura domestiche, anziché in strutture ospedaliere.

Importante, quindi, è garantire, accanto alle terapie mediche,  un sostegno psicologico al fine di contrastare il senso di solitudine, offrendo servizi qualificati e mirati che aiutino le persone ad affrontare le varie fasi di cura e fornire assistenza psicologica e aiuto ai familiari delle persone affette da patologia oncologica, anche nel periodo di elaborazione del lutto.

Rimane fondamentale, nell’ambito di questo progetto, raggiungere i giovani degli Istituti Superiori per sensibilizzarli alla cultura del volontariato e all’attenzione verso le persone deboli e fragili, attraverso interventi formativi ed educativi, nonché evidenziare  l’importanza di adeguare il proprio stile di vita e le proprie abitudini alimentari per la salvaguardia della propria salute fisica, in un’ottica di prevenzione della patologia oncologica.

Il progetto riserva attenzione anche alle persone che si stanno sottoponendo ad un percorso di cure oncologiche, offrendo suggerimenti di tipo estetico ed alimentare, al fine di riconciliarsi con il proprio aspetto fisico e di contrastare gli effetti collaterali delle terapie.

Si propone, inoltre, di sensibilizzare la cittadinanza sulla cultura del riciclo e della gestione di materiali/presidi sanitari non più utilizzati, che possono trasformarsi in nuova risorsa a disposizione della collettività e di promuovere iniziative per umanizzare i luoghi di cura, in particolare i reparti dove si effettuano cure oncologiche, mediante l’offerta di esecuzione di brani musicali che allietino i tempi dell’attesa.

Per i dettagli del finanziamento clicca qui sotto:
SCHEDA PROGETTUALE
PIANO FINANZIARIO